Benvenuto nel sito ufficiale di informazione turistica del Comune di Forlì e dei Comuni del comprensorio

ITA
ENG

Chiesa del Carmine

Chiesa del CarmineDi origine trecentesca, la chiesa del Carmine ampliata nel 1482-90, è stata completamente ristrutturata tra il 1735 e il 1746 su progetto di Giuseppe Merenda. Nella facciata, rimasta incompiuta, spicca il bel portale in marmo d'Istria del 1464-65.

Indirizzo: Corso Mazzini, 76, 47121 Forlì (FC), Italia
Telefono: Diocesi Forlì-Bertinoro 0543 28240


Orario di apertura

Dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00.

 

Periodi di apertura

Sempre aperto.

Come arrivare

Situata al centro di Corso Mazzini, a due passi da Piazza Saffi, è raggiungibile in macchina e in autobus. E' possibile parcheggiare dietro alla chiesa, in Piazza del Carmine e in Piazza XX Settembre (a pagamento) oppure in Piazzale Montegrappa.

Informazioni

I restauri della chiesa furono iniziati nel 1735 su disegno di Giuseppe Merenda e furono terminati nel 1783.

La grezza e incompiuta facciata è impreziosita da un pregevole portale in pietra d'Istria del XV secolo, che fino al 1841 decorava l'ingresso del Duomo, testimonianza delle imprese della Signoria degli Ordelaffi. Le sculture raffigurano San Valeriano a cavallo circondato dai quattro Santi protettori della città.


Nella sommità della lunetta è situato lo stemma degli Ordelaffi che commissionarono l'opera a Marino di Marco Cedrini nel 1464-65. Un'Annunciazione è scolpita sul portale ligneo del 1746.
Sul lato sinistro della facciata si trova il campanile, iniziato nel 1498.


All'interno, in stile barocco, un'unica grande navata con cinque cappelle per lato.
Gli affreschi della volta, raffiguranti le virtù e divisi in cinque settori, furono iniziati da Gaetano Alemanni, che affrescò le pareti dell'abside nel 1779, e terminati da Giuseppe Marchetti e Giuseppe Alberi nel 1783. Nella parete d'ingresso, ai lati del finestrone, l'affresco, a destra, rappresenta la Temperanza mentre, a sinistra, la Prudenza. Nel primo settore della volta si trova raffigurata la Carità, nel secondo la Fortezza, poi la Speranza, la Giustizia e, ultima, la Fede.


Di notevole interesse è il coro in noce: la parte inferiore, quattrocentesca, è originale dell'antica chiesa, mentre le altre parti risalgono al 1743. All'interno del coro è custodita una copia dell'Annunciazione del Palmezzano (l'originale è in Pinacoteca).


Sulla parete d'ingresso c'è uno spettacolare impianto architettonico in legno che accoglie un organo della metà del '700. La bussola, la cantoria e la cassa organaria costituiscono un elegante ed armonico insieme che sorprende per la ricchezza delle dorature, l'estro degli intagli e delle decorazioni pittoriche. L'opera fu realizzata nel 1752 dal maestro falegname Marco Antonio Mirri, autore anche dei quattro confessionali e degli armadi della sacrestia.

Scarica la pubblicazione 'Impronte d'Arte - Città di Forlì'

 

Ultimo aggiornamento lunedì 4 settembre 2017

 

Torna indietro

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111
Partita IVA: 00606620409
A cura della Redazione di Turismo Forlivese, C.so Diaz, 21 - 47121 Forlì - redazione.turismo@comune.forli.fc.it

Questo sito internet è valido xhtml 1.0 strict, clicca per accedere al validatore xhtml 1.0, il sito verrà aperto in una nuova finestra Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra sito internet validato wcag wai a